Trasporti


Vista la congestione delle infrastrutture stradali è indispensabile spostare parte del trasporto lungo le vie d’acqua, riducendo inquinamento acustico e atmosferico oltre ai consumi energetici.


Anche oggi ritardi sulla linea ferroviaria Bologna-Venezia a causa di lavori senza che i passeggeri siano stati minimamente avvisati.


In una conferenza stampa insieme all’onorevole Diego Crivellari, componente della commissione Trasporti della Camera, abbiamo fatto il punto sullo stato dei trasporti pubblici e sulla decisione della Giunta di mandare a gara il servizio ferroviario. Affidare tutto a Sistemi Territoriali? Una boutade


Insieme al capogruppo del Pd Lucio Tiozzo ho incontrato il presidente Gambato alla centrale operativa di Cavanella d’Adige si Sistemi Territoriali per fare il punto sul settore della logistica. Da risolvere subito il problema del trasporto merci su ferro per il porto di Chioggia e quello del dragaggio del canale fra Po e conca di Volta Grimana, dove si è incagliata la motonave Michelangelo. Buone le prospettive, ma serve programmazione per superare la visione asfaltocentrica


Insieme al vicepresidente della II commissione regionale Bruno Pigozzo siamo intervenuti per ribadire la posizione del Pd in materia urbanistica delineando otto punti con le azioni necessarie per una buona pianificazione. Il modello di sviluppo del Veneto di questi ultimi decenni è stato devastante. Cura del territorio e salvaguardia idraulica devono essere prioritarie, non solo per la tutela dei cittadini e del paesaggio, ma anche nella prospettiva del risparmio di risorse. E serve un piano paesaggistico


Tiozzo e Azzalin rimarcano l’importanza di alcuni emendamenti: “Visto che questa maggioranza è alla deriva e, forse, addirittura all’ultima spiaggia, la invito a prestare attenzione al tema del ripascimento degli arenili e, in generale, della sicurezza idrogeologica del territorio”


Insieme ai colleghi del Pd Tiozzo, Pigozzo, Bonfante e Fasoli ho presentato un’nterrogazione per avere delucidazioni sugli ulteriori disagi per i pendolari: orario nuovo, problemi vecchi, situazione inaccettabile. Per questo chiediamo all’assessore alle Politiche di mobilità quali iniziative, oltre a tagliare nastri e promettere novità a partire dalla prossima estate, intenda prendere nell’immediato per tentare quantomeno di alleviare i disagi quotidiani per chi viaggia con i treni locali


Insieme ai colleghi Lucio Tiozzo, Franco Bonfante e Roberto Fasoli ho presentato un’interrogazione chiedendo alla Giunta “se e come intenda porre rimedio alla drastica riduzione di finanziamenti per il settore che richiede scelte politiche forti e decise, soprattutto in un fondamentale settore che vede purtroppo i Veneti ‘primi’ per disagi e carenze di investimenti, e in particolare quale sia la soluzione prevista per evitare la dismissione de facto della tratta Verona-Rovigo-Chioggia, ad alta frequenza pendolare”: Una prospettiva terrificante che penalizzerebbe in maniera sproporzionata un territorio che vive già un ritardo negli investimenti strutturali per la mobilità e segnerebbe l’inizio di una vera e propria disintegrazione del trasporto pubblico locale, spina dorsale di una Regione che punti a uno sviluppo sostenibile e voglia davvero guardare avanti


Sempre più divisi, Lega Nord e Pdl fuggono dalle proprie responsabilità e agiscono con tagli e rattoppi senza offrire una prospettiva. Fondamentale il ruolo del Pd come opposizione governante, riconosciuto dalla stessa Coppola riguardo ai due milioni stanziati per il ripascimento degli arenili


Se è vero che tutti i poli della cantieristica italiani sono in profonda difficoltà, è vero anche che tutti cercano vie d’uscita: la Regione deve fare forti pressioni al Governo perché non lasci morire un settore d’eccellenza, attivandosi sul fronte delle commesse, del credito e della riorganizzazione dei distretti