Legittima difesa, la Lega è il partito dello spreco. Zaia si vanta della virtuosità del Veneto davanti a Mattarella, mentre in Consiglio si buttano soldi pubblici per provvedimenti inutili

Inserito il 13 Marzo 2019 in Primo piano


Altro che Veneto virtuoso, questa è la Lega dello spreco.

“Altro che Veneto virtuoso, questa è la Lega dello spreco che continua a utilizzare le istituzioni e i soldi pubblici per provvedimenti inutili, buoni solo per la propaganda elettorale”. Va all’attacco Graziano Azzalin, consigliere del Partito Democratico, sul progetto di legge statale sulla legittima difesa presentato dalla Lega e discusso oggi in Prima commissione.  “È una materia su cui la Regione non ha competenza, non c’è alcun vuoto legislativo e il Governo gialloverde sta intervenendo proprio adesso, sugli stessi articoli. Che senso ha dunque un Pdl del genere, se non quello di rincorrere Salvini per mostrare di essere più bravi del capo? I temi della sicurezza non stanno a cuore solo a loro, ma qua non c’entra niente il merito, bensì il metodo”.

“La serietà degli amministratori si vede anche da queste cose, ed una vergogna – rincara Azzalin – Appena ieri Zaia si vantava della virtuosità del Veneto davanti al capo dello Stato. Di quale virtuosità stiamo parlando, dello sperpero di migliaia di euro di soldi pubblici? Se ha un minimo di coerenza faccia ritirare il provvedimento! Ecco l’efficienza della Regione, che non riesce a produrre alcuna legge di riforma, ma continua a sfornare leggi bandiera e di propaganda totalmente inutili e spesso incostituzionali. Con altri soldi dei contribuenti sprecati in modo assurdo”.




Condividi questo contenuto!

Lascia un commento