Soldi dalla Regione ai Comuni per piantare nuovi alberi? Frutto di un mio emendamento approvato addirittura due anni fa! Nel bilancio 2020 chiederò di aumentare le risorse

Inserito il 30 Ottobre 2019 in Agricoltura, Ambiente, Territorio


Meglio tardi che mai! Non ci interessano le medaglie da appendere al petto, però è giusto fare chiarezza.

“Meglio tardi che mai! Non ci interessano le medaglie da appendere al petto, però è giusto fare chiarezza: la proposta di mettere soldi per la piantumazione di nuovi alberi era del sottoscritto, con un emendamento inserito nel Collegato al bilancio approvato il 29 dicembre 2017. Bene quindi che la Regione abbia dato seguito, stanziando 200mila euro, ma arriva con un forte ritardo”. A ricordarlo è Graziano Azzalin, vicepresidente della commissione Agricoltura e consigliere del Partito Democratico, commentando la delibera approvata ieri dalla Giunta che ha affidato le risorse a Veneto Agricoltura per fornire le piante ai Comuni veneti che hanno aderito al progetto regionale. “Un ritardo – spiega – dovuto alla modifica della legge, avvenuta soltanto a giugno di quest’anno. E, dopo sei mesi, finalmente la delibera attuativa. Benvenuta, efficienza!”.

“È un provvedimento che ovviamente ci soddisfa e perciò nella prossima sessione di bilancio chiederò di aumentare i soldi a disposizione, in modo da ampliare gli interventi. La riforestazione nella nostra regione è fondamentale anche per contrastare cambiamenti climatici, che hanno sconvolto il Veneto negli ultimi anni, dal tornado nella Riviera del Brenta all’uragano Vaia, adesso se n’è accorto l’assessore Pan. Peccato che nel bilancio non ci sia un capitolo specifico con relativi stanziamenti. Proprio quanto accaduto lo scorso autunno ha evidenziato le carenze della Regione che non ha una politica per le foreste e la montagna, completamente abbandonata da Zaia: l’uragano Vaia ci sarebbe stato comunque, ma gli effetti non sarebbero stati così devastanti”.




Condividi questo contenuto!

Lascia un commento