Agricoltura, bene rimodulazione fondi europei ma è stato smascherato il bluff: la Regione non ha messo un euro in più per il settore primario

Inserito il 14 Luglio 2020 in Agricoltura


Siamo favorevoli alla rimodulazione del Psr ma non è una misura sufficiente.

“Con questo provvedimento è stato smascherato il bluff della Giunta e dell’assessore Pan: nonostante i roboanti annunci da Marghera, la Regione si limita a ridestinare risorse senza mettere un euro in più per il settore primario. Certo, siamo favorevoli alla rimodulazione del Psr in modo da destinare ulteriori soldi alla gestione dell’emergenza Covid per quanto riguarda le aree rurali, ma non è una misura sufficiente”. Così Graziano Azzalin, consigliere regionale del Partito Democratico e vicepresidente della commissione Agricoltura commenta la Pda discussa oggi in aula e passata anche con il voto dem.

“Si tratta di fondi già presenti nella programmazione. I 23 milioni di liquidità arrivano grazie a una rimodulazione decisa dall’Unione Europea che ha raddoppiato le risorse destinate all’emergenza Covid, alzando la percentuale dall’1% al 2%, anche grazie al lavoro del nostro eurodeputato De Castro. Ridestinare in italiano non significa aumentare. È giusto sostenere un settore che ha avuto problemi seri, ma è sbagliato e poco lungimirante intervenire solo con questa modalità, perché sono soldi che non ci ritroveremo in futuro”.




Condividi questo contenuto!

Lascia un commento