Ancora ritardi sulla Bologna-Venezia per lavori lungo la linea ferroviaria, ma nessuna comunicazione ai pendolari. La Regione pretenda da Trenitalia una corretta informazione

Inserito il 27 giugno 2018 in Primo piano


Anche oggi ritardi sulla linea ferroviaria Bologna-Venezia a causa di lavori senza che i passeggeri siano stati minimamente avvisati.

“Anche oggi ritardi sulla linea ferroviaria Bologna-Venezia a causa di lavori senza che i passeggeri siano stati minimamente avvisati. Si tratta di interventi programmati, non di emergenze, è quindi grave questa assenza di comunicazione, che impedisce a studenti e pendolari di organizzarsi di conseguenza. Visto che l’assessore De Berti fa vanto di un rapporto privilegiato con Trenitalia, almeno pretenda una corretta informazione agli utenti nelle stazioni di partenza”. La richiesta arriva dal consigliere regionale del Partito Democratico Graziano Azzalin, a proposito di quanto accaduto questa mattina con il Regionale veloce 2226 in partenza da Bologna alle 8.20 e rimasto fermo poco dopo la galleria del Catajo nei pressi della stazione di Montegrotto.

“Sono disagi che si ripetono da diversi giorni su più corse, in conseguenza dei lavori nel tunnel con l’interruzione dell’energia elettrica e i treni che si spengono. In questo caso il ritardo è stato di 40 minuti, senza che nessuno abbia, appunto, avvisato i passeggeri che erano giustamente infuriati. È bene che si cambi registro, visto che a luglio è previsto un altro grosso intervento che durerà tre mesi per potenziare i sistemi di di sicurezza del tunnel sulla linea Bologna-Padova con tanto di cancellazione dei treni. Bene i lavori, certo, male anzi malissimo l’assoluta mancanza di informazione. È una carenza a cui va posto rimedio, non è così che si invogliano le persone a utilizzare i mezzi pubblici, lasciando a casa le auto”.




Condividi questo contenuto!

Lascia un commento