Agricoltura


Sugli Ogm Zaia fa del grave terrorismo psicologico e finisce fuori strada. Commentare le sentenze tanto per apparire sui giornali può esporre a brutte figure.


Finalmente la legge sulla canapa è arrivata al traguardo: il settore viene così regolamentato. E il merito è anche dell’azione costante del Centro di ricerca di Rovigo.


Agricoltura, Azzalin: “Dai dati dell’outlook sul 2015 emergono anche una serie di nodi strutturali del primario veneto che non possono essere affrontati solo con il Psr: anche nel bilancio serviranno segnali di attenzione ad un settore con luci e ombre”


La Commissione europea dice sì al Psr: per il Veneto, grazie anche al lavoro del Pd in Parlamento europeo ed in consiglio regionale nei prossimi 5 anni 1 miliardo e 184 milioni


Il centro di ricerca rodigino è imprescindibile, un’eccellenza di livello internazionale sulla canapa, che rappresenta la nuova frontiera della sperimentazione in agricoltura


L’azienda tagliolese rifornisce i supermercati di Inghilterra e Svezia oltre a quelli italiani: sono le realtà produttive come questa, vera eccellenza del Polesine, che fanno grande il settore agroindustriale italiano


Il consiglio ha detto sì ai due testi di cui era secondo firmatario e che apportano importanti modifiche alle “Nuove norme per interventi in agricoltura” ed alle “Norme per la tutela delle risorse idrobiologiche e delle fauna ittica e per la disciplina dell’esercizio della pesca nelle acque interne”


Al Censer il convegno “La canapa industriale tornerà a crescere nella Pianura padana”: prospettive più che interessanti, tanto più per il Polesine. Il Psr offre gli strumenti per sostenere progetti di filiera, la grande partecipazione testimonia un interesse che rende il futuro meno fumoso


Psr, incontro a Taglio di Po con il vicepresidente della commissione Agricoltura del consiglio regionale Graziano Azzalin: “Ci sono 1,184 miliardi di opportunità”


Approvato il documento sull’apertura dei termini per le domande relative a linee di finanziamento specifiche, dalla biodiversità alle infrastrutture verdi per 144 milioni: un gesto di responsabilità dell’opposizione governante di fronte al deplorevole braccio di ferro interno alla maggioranza che blocca il bilancio