Primo piano


Bergamin si sente mancare il terreno sotto i piedi e anziché rispondere nel merito, si affida al gruppo consiliare della Lega.


La maglia rossoblù fa comodo esibirla in maniera strumentale in campagna elettorale poi però quando si tratta di dare una mano concreta, come di dovere, il sindaco sparisce.


Vedremo se la maggioranza dimostrerà di avere coraggio politico oppure si piegherà ai diktat di Zaia.


Un fondo strutturale da 49 milioni per far fronte alle numerose emergenze, dal calo delle nascite alla fuga dei giovani, dall’aumento degli sfratti alle famiglie in povertà.


L’agricoltura ha bisogno di azioni concrete e di una politica attenta, partendo proprio dalle istanze delle aziende e dai loro bisogni.


Zaia passerà alla storia come il presidente che ha reso più piccolo il Veneto.


La Corte costituzionale ha certificato quello che sapevamo da tempo.


La Regione deve dare in fretta una risposta positiva a quanto chiedono i medici di base.


Senza numeri certi non è possibile fare una discussione seria.


Non si capisce perché Roma ladrona debba contribuire a pagare la campagna elettorale della Lega.